Come insegnare a Fabrizio Barca il funzionamento della piattaforma

943 0
funzionamento piattaforma luoghi ideali

Pochi giorni fa ho insegnato a Fabrizio Barca l’utilizzo della piattaforma. Tutto il team nazionale ha infatti partecipato alla creazione di questo portale, alla definizione delle sezioni e del contenuto, e anche alle modalità di presentazione. Ma una cosa è disegnare uno strumento nelle sue potenzialità, un’altra è realizzarlo, cercando di soddisfare le aspettative ma coscienti dei limiti dello strumento utilizzato. Che poi i limiti, adattando le funzioni e sforzandosi un po’, tendono sempre a spostarsi in avanti.

Ed ecco il punto. La “Signora Maria”, in questo caso Fabrizio Barca, mi ha chiesto: “E se volessi scrivere qualcosa al gruppo di Roma, come faccio? Quali alternative ho?”. Ho cercato di rispondere nel migliore dei modi, nonostante l’orario scelto per la riunione: mattina presto (messaggio subliminale).
Quindi, all’interno della piattaforma gli utenti comunicano. E comunicano in vari modi, utilizzando differenti livelli di intimità e di generalizzazione.

1) I messaggi privati: qualcosa di intimo

Ogni utente della piattaforma ha la possibilità di inviare dei messaggi privati ad un qualsiasi altro partecipante. Quindi, nel caso avessi qualcosa di intimo da dire all’utente Roma (utente “collettivo” che gestisce la pagina del luogo di riferimento), puoi entrare nel suo profilo e cliccare su “Messaggio privato”. Et voilà, la nostra privacy sarà rispettata, Roma riceverà una notifica e leggerà il vostro messaggio. Fosse sempre così facile scrivere a Roma.

Schermata 2014-05-08 alle 18.07.16

2) I messaggi pubblici: ti dico qualcosa e voglio che tutti la leggano

Ritorniamo all’immagine qui sopra, cliccando su “Messaggio pubblico” possiamo inviare un commento, una riflessione, un complimento o una critica all’utente “Roma”. In questo caso il messaggio sarà visibile a tutti (per chi conosce twitter la similitudine è con una “mention”). È questa l’opzione perfetta se si vuole invare un messaggio breve e diretto.

3) Voglio dire la mia su un progetto

Entrando più nel merito dello scopo della piattaforma, è possibile commentare direttamente l’attività di ogni luogo ideale, partecipando alla “coscienza collettiva” delle interazioni (commenti e riflessioni) di un progetto in concreto. Per farlo, citando sempre Roma come esempio, sarà necessario entrare nella pagina del luogo ideale, scorrerla in basso ed entrare in uno dei forum tematici gestiti direttamente dal team locale.
Roma ha aperto un topic di discussione chiamato “Differenziate Romane e quale è la vostra esperienza, raccontateci“, animato dai primi contributi degli utenti. Iniziando dalla home, ci si arriva cliccando sul gruppo “Roma” nell’elenco dei luoghi ideali: si accederà ad una pagina contenente una breve descrizione del progetto, i link per il download dei documenti di base e l’elenco dei forum gestiti dal team di Roma. Per poter partecipare alle discussioni del gruppo, sarà prima necessario “iscriversi” allo stesso, cliccando sul bottone “entra le gruppo”:

Schermata 2014-05-09 alle 09.32.54

Perché bisogna entrare nel gruppo? Per sentirsi parte di un progetto, abbracciare una storia ed incoraggiare il team locale ad andare avanti, sentendosi accompagnato (ma anche osservato) da una comunità di persone.

4) Ritorno al passato: i commenti nel blog

Schermata 2014-05-09 alle 09.39.10Ogni luogo ideale gestisce in maniera autonoma un blog, un canale dedicato ad annunciare un evento importante, una tappa intermedia verso la realizzazione del progetto o pubblicare il resoconto di una riunione. Uno spazio meno “frenetico” e più tradizionale, dove comunicare ed accompagnare l’attività di ogni luogo. La via più semplice per raggiungere i blog è utilizzare il menù orizzontale in alto, cliccando su “luoghi ideali” e scorrendo sino al progetto che ci interessa: ci si aprirà un secondo menù con tre opzioni: “blog”, “il progetto”, “strategia, piano d’azione e valutazione”.

Roma luogo ideale (non me ne vogliano gli altri progetti per l’esempio unico :) ) ha già pubblicato un primo post “Roma Verso Rifiuti Zero – Il mio Municipio è differenziato“, il post di presentazione del loro progetto: è possibile commentarne il contenuto utilizzando il form dedicato, che trovi anche in questo post. Il blog è un canale integrato ma slegato dalla logica della piattaforma, dove chiunque può commentare, iscritti e non iscritti alla piattaforma.

5) I forum generali, ma non troppo

Una sezione fondamentale della piattaforma è dedicata alla discussione su temi, metodologia e valori. Si tratta di un elenco di forum tematici, creati direttamente dagli utenti del portale e dove la discussione si concentra su argomenti più generali ma che riguardano ed interessano trasversalmente tutti e 12 i luoghi idea(li). L’obiettivo dei forum tematici è alimentare la piattaforma con un flusso continuo di esperienze, riflessioni, punti di vista. Il portale, nel tentativo di restare ancorati alla realtà dell’esperimento, presenta le discussioni in 5 forum tematici (Qualità della vita quotidiana e della coesione sociale, Ambiente responsabilità comune alla prova dei fatti, Emancipazione dei lavoratori e competitività, Cultura, creatività e sviluppo, Politica credibile e governo) e 6 metodi/valori (1. Metodi partecipativi e sperimentali, 2. Metodi di utilizzo della Rete, 3. Metodi di raccolta dei fondi, 4. Metodi di valutazione, 5. Metodi di comunicazione interna ed esterna, 6. Valori di sinistra da far emergere/esplicitare o approfondire). La relazione tra le discussioni generali e il lavoro dei luoghi idea(li) è molto diretta: le tematiche sulle quali chiamiamo alla riflessione sono le stesse affrontate dai progetti sui territori, mentre la discussione sui metodi e valori supporta direttamente l’attività quotidiana dei gruppi sul territorio, addentrandosi nelle possibili modalità di lavoro.

Facendo un esempio, Roma luogo ideale tratta il tema spinoso della gestione dei rifiuti in un contesto urbano. Sempre alla ricerca di stimoli, i ragazzi del team romano cercheranno informazioni nel forum “Ambiente responsabilità comune alla prova dei fatti“, luogo privilegiato anche dal team di Avellino, impegnato nel riuscire a sbloccare la bonifica dell’area Isochimica, sito sequestrato dalla magistratura e mai bonificato da 26 anni.

Per concludere: la piattaforma offre 5 canali di interazione tra gli iscritti ed i luoghi idea(li), 5 possibilità di arricchimento mutuo, 5 possibilità per creare comunità e sentirci parte attiva del progetto. La piattaforma, conservando pubblicamente interazioni e contributi, si arricchirà giorno dopo giorno di documenti ed informazioni utili. Le interazioni e la condivisione ci fanno comunità, comunità che cresce assieme e di pari passo. Fabrizio Barca avrà gia imparato ad utilizzare la piattaforma, ma per me l’importante è che lo facciate voi. Buona navigazione!

Nessun commento su "Come insegnare a Fabrizio Barca il funzionamento della piattaforma"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *